Melopoli

Don Gallo

Avoi si parra a ogni pintuni
partiu  don Gallo non torna cchiuni.
Avanzi u canceddhu s’è prisintatu:
“apritimi prestu sugnu arrivatu
aiu assai prescia!! Vogghiu trasiri
e sugnu ccà pe cumbattiri
ca puru s’è veru ca nc’esti a livella
haiu lu sangu  chi s’arribbella”.
Nautru u stessu aundi si trova?
Ma chi disgrazia, chi malanova!!
Ambeci pa chiesa non pari cchiù veru
ca nci finisci stu grandi penseru.
Ma ncunu arrestau, ogni tantu cumpari
e li magagni nci fa scumbogghiari.
Ciangimu nu pezzu i sinistra chi vola
stu preti cumpagnu chi fu sempri na scola.
Ciangimu cumpagni, ciangimulu tutti
li povari oggi su propriu distrutti.

23 maggio 2013 – Melopoli

————————————————————-

MERIDIONI

Avi assai tempu chi vulia scriviri
chiddhu chi ora vi vegnu a diri
chista è la storia ed è vecchia assai
i comu accumencianu i nostri guai.

E nuddhu la scrissi cusì pe com’era
ca non di cuntaru la storia vera.
Pecchì chist’unioni fu fatta per forza
mai nuddhu ndi dissi apritindi a porta.

Mai nuddhu cercau u pemessu mi trasi
sbacantaru li reggi, li banchi, li casi
nd’arrobbaru tuttu sti grandi latroni
pe sviluppari lu nord fu fatta st’azzioni.

A nui ndi cacciaru ogni cosa sti  brutti caini
ndi struparu li fimmani, fucilaru i bambini
ndi chiusaru i fabbrichi e distruggiru paisi
paisanu !Chi brutta genti sti piemontesi!!

Ndi dassaru lu mari, i muntagni, i jumari
ma pecchì o nord non si ponnu purtari
ora nd’arrestau nu bellu paisi, è rruvinatu
arretu a nsipariu è sempri ammucciatu.

Eramu ricchi, felici e cuntenti
senza problemi, n’ammancava nenti.
Ambeci ripiammu stu longu caminu
e propriu avversu ndi fu lu distino.

Nc’era  lauru,  mangiari e dinari
sempri cuntenti potivamu stari.
Non eramu serbi, non c’era patruni
poi fummu guidati di quattro latruni.

Esti antica la curpa e a storia s’è persa
ma nui chi sapimu na storia diversa
non potimu accettari sempri stu mbrogghiu
ora esti l’ura mi si caccia u cumbogghiu.

Pecchì pi daveru ca scusa i l’unioni
I caini du nord nda rrobbaru milioni
a nui ndi dassaru senza cchiù nenti
pemmi morimu comu i pezzenti

o nord  mbestiru  li nostri dinari
nta opari grossi chi vinnaru cari
u sud u dassaru mi mori pi nenti
passando i so figghi pe dilinguenti.

O Garibardi! Ma tu cust’unioni
vulisti la fini di stu meridioni
chi era nu bellu paisi attraenti
cu ddhi milli sciancati u facisti fetenti.

A vui vi cuntaru na storia i bandera
ma è scritta cu sangu a storia vera.
Cu u sangu i patrioti chi chiamaru briganti
chi chiddhi caini mazzaru pe nenti.

E accussì distruggiru lu rregnu e i so figghi
e poi deportaru interi famigghi
a Finestrelle furu rinchiusi
pe supportari finu a la morti sulu suprusi.

Sempri la storia è scritta i cu vinci
cu perdi supporta e la facci si tingi
ma veni u mementu chi avi e parrari
e tuttu mi cunta senza ammucciari

Pecchì paisani pe tutti ddhi morti
fu assai gravi, fu trimenda la sorti
tantu chi doppu tant’anni si dici
ma ddhi sbenturati rriposanu in paci?

A cu si macchiau di stu grandi suprusu
nci auguru mi havi rifriscu e rriposu
e a chiddhi du sud al di la da bandera
nci dicu  studiativi a storia, ma chiddha vera.

25 maggio 2013 –  Melopoli

Annunci

One thought on “Melopoli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...