Per le vie del centro

Palmi 25 gennaio 2012

Una carrellata di cartoline d’epoca, del centro città, per riscoprire come eravamo…vedi album 
__________________________________________________________

Annunci

6 pensieri riguardo “Per le vie del centro

  1. La prima emozione è arrivata fin dall’inizio con la messa a fuoco nei miei confusi ricordi d’infanzia della bellissima Torre Dell’Orologio, rimossa dal tempo, tanto quello passato, poco quello che ho avuto a disposizione per “viverla” e goderne le sue suggestioni.
    Bocciata a posteriori la sua sostituzione con il monumento a Cilea, di architettura e design di scuola fascista.
    Ho ammirato molto il senso di prospettiva ampia e di spazio che le piazze e le strade hanno perso,
    insieme al soffio vitale e al fermento che sembra alzarsi da ogni angolo delle sue strade.
    Ho riamato quei lampioni stupendi, artistici che la illuminavano e, di cui ancora si sente la nostalgia.
    Ho accolto con sorpresa , ma come un regalo, la visione della facciata del Duomo che disconoscevo anche nella sua sistemazione logistica originaria.
    Mi ha dato la sensazione di una città presente e partecipata quella disposisizione lungo le vie principali di botteghe e negozi, simbolo di una città produttiva e socialmente aperta.
    Interessanti tutte le susseguentesi rivisitazioni della fontana di Piazza Amendola, con quella bellissima scalinata che circondava la secondaria, ma non meno bella e decorativa, vasca con la conchiglia in stile barocco, successivamente sostituita dai bagni pubblici, sporchi e maleodoranti.
    La pensilina degli autobus e il bar delle due signore argentine, sorelle, mi hanno ricordato profunate brioches alla panna fresca, di cui, se chiudo gli occhi, riesco ad assaporarne il profumo-
    Negli anni 60 hanno fatto scempio di questa città e, le costruzioni arrampicate le une alle altre ,hanno cancellato per sempre quella idea di spazio e di razionalità architettonica che ha lasciato tristemente spazio al più selvaggio abusivismo e ad una crescita urbanistica cieca e sconsiderata. Addio, verdi profili collinari di S. Elia…addio tutto. Comincia l’era della cementificazione!

  2. Queste bellissime immagini documentano la storia di Palmi, in un intreccio di sentimenti e considerazioni socio-economiche. Bel servizio.

  3. Fa un poco senso pensare come ci siamo combintati oggi nonostante il progresso.
    In passato, secondo il mio parere, vi era più serietà ma, soprattutto, molto più rispetto dei beni comuni, lo si denota anche dalle foto.
    E’ chiaro che il mondo è cambiato ma, in peius.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...